Come criticare le proprie foto

Tratto da clickblog

Un sistema per migliorare le proprie foto è quello di chiedere una critica ad altri, ma è difficile ottenere una risposta veramente costruttiva. Potete saltare questo passaggio ed imparare anche autocriticandovi. Qui trovate una lista di domande da cui partire per capire se potete fare di meglio.
1. Tecnica
  • È a fuoco?
  • La messa a fuoco è molto importante e va controllata con cura. Chiedetevi anche se è nitida o se un po’ di soft focus potrebbero migliorare la foto.
  • La profondità di campo è adeguata?
  • Come cambierebbe aumentando o diminuendo la profondità di campo? Se non lo immaginate provate.

  • È correttamente esposta?
  • In alcune occasioni non si può non sovraesporre o sottoesporre parte di una foto, ma il soggetto dovrebbe essere sempre esposto correttamente.
  • La luce ed il bilanciamento del bianco sono corretti?
  • Controllate se la luce è troppo dura o troppo morbida, e pensate una luce diversa potrebbe rendere lo scatto più interessante. La luce ha lasciato delle dominanti di colore nella foto? Correggetele con il bilanciamento del bianco.

2. Composizione
  • C’è bisogno di un ritaglio?
  • Una parte della foto distrae o c’è troppo spazio vuoto che non aggiunge nulla alla foto?
  • Segue la regola dei terzi?
  • Se non la segue, dovrebbe? La composizione aiuta a focalizzare l’attenzione sul soggetto? La regola dei terzi può essere infranta.
  • Ci sono delle linee?
  • Se ci sono attirano l’attenzione verso il soggetto? A volte non si può rispondere sì a questa domanda e non fa niente.
  • La foto è ben bilanciata?
  • I colori, le luci, il soggetto e la composizione si bilanciano o c’è una predominante di colore o di luce? Cambiare una di queste cose potrebbe migliorare la foto?

3. Apparenze
  • Il messaggio è ben visibile?
  • Il messaggio o il tema che voleva comunicare è ovvio? Si può rendere più evidente?
  • Cosa vi suscita?
  • Guardando questa foto vi sentite felici, tristi o divertiti? Era l’effetto che volevate ottenere? Potete migliorare l’atmosfera della foto?
  • È interessante?
  • Potrebbe esserlo per voi? Ma per i vostri amici? I vostri famigliari? Dei perfetti sconosciuti potrebbero pensarla diversamente da voi?

Dopo aver completato la vostro autocritica, magari ponendovi anche ulteriori domande, provare a ripetere lo scatto con lo stesso soggetto per migliorare quello che avete notato. Con il tempo e con la pratica probabilmente certe domande verranno in automatico al momento dello scatto.

Seguiamo Babbo Natale

60's tracking picture
Come seguiamo Babbo Natale

Il NORAD utilizza sistemi altamente tecnologici per seguire Babbo Natale: radar, satelliti, Babbo-telecamere e aerei caccia.
Tale compito ha inizio con il potente sistema radar del NORAD denominato North Warning System, composto da 47 installazioni dislocate lungo il confine settentrionale del Nord America. Durante la vigilia di Natale, il NORAD monitora continuamente il radar alla ricerca di segnali che testimonino che Babbo Natale ha lasciato il Polo Nord.

Non appena il radar indica che Babbo Natale è decollato, utilizziamo il nostro secondo sistema di rilevamento. I satelliti posizionati in orbita geosincrona a 36.000 km dalla superficie della Terra sono dotati di sensori a infrarossi per il rilevamento della temperatura. Sembra incredibile, ma il naso rosso della renna Rodolfo emette una traccia infrarossa che consente ai nostri satelliti di rilevare Rodolfo e Babbo Natale.
US and Canada flagsIl terzo sistema di rilevamento è costituito dalla rete di Babbo-telecamere. Abbiamo iniziato a servircene nel 1998, anno in cui abbiamo lanciato su Internet il nostro programma di ricerca di Babbo Natale.
Le Babbo-telecamere sono telecamere digitali all'avanguardia, dall'elevata tecnologia e ad alta velocità collocate in diverse località del mondo. Il NORAD utilizza tali telecamere solo una volta all'anno, in occasione della vigilia di Natale. Le telecamere scattano foto e registrano video di Babbo Natale e delle sue renne mentre compiono il loro viaggio intorno al mondo.
Il quarto sistema è composto dagli aerei caccia. I piloti di caccia NORAD canadesi in volo sui CF-18 intercettano e danno il benvenuto a Babbo Natale in Nord America. Negli Stati Uniti, sono i piloti di caccia NORAD americani su F-15 o F-16 a provare l'emozione di volare accanto a Babbo Natale e alle sue famose renne: Fulmine, Ballerina, Salterello, Donnola, Cometa, Cupido, Donato, Freccia e, naturalmente, Rodolfo.
Un'occhiata a ciò che è avvenuto lo scorso anno… mentre il NORAD seguiva Babbo Natale attorno al mondo!

Miseria e Nobiltà


La chiamano fame
Inserito originariamente da sonosergio
Spettacolo teatrale
Compagnia: Teatro delle nevi
Catania,6/12/08

Ring light

There's something magical about ringlights. The unnatural light cast, the halo shadows. Yet the idea behind it is as clever as it is simple: looking through the light source....
http://fuzzcraft.fuzzphoto.eu/ringlights.html

San Domenico - Augusta


Fouchi d'artificio ad Augusta il 24 maggio 2008 in occasione della festa di San Domenico, Patrono della Città.

Visioni dallo spazio


Macro farfalla


from

“Macro Art In Nature”


more photo

Fotografare i Paesaggi

La fotografia di paesaggio è, a mio parere, la branca più difficile della fotografia naturalistica. Non è particolarmente impegnativo imparare gli aspetti tecnici - dopotutto, basta utilizzare il treppiede per avere la massima nitidezza e fare attenzione all'esposizione. Allora perchè la fotografia di paesaggio è così difficile?

Serve una visione artistica per creare buone foto, immagini in grado di trasmettere emozioni all'osservatore. Mentre la parte tecnica può essere spiegata, posso solo dare consigli e linee guida di base in merito all'aspetto artistico: sta a voi creare un vostro stile per riprendere foto veramente uniche.
continua a leggere

Fire


high speed camera

Free Wallpaper



View on-line galleries of travel, adventure, landscape, and nature photography by Quang-Tuan Luong

http://www.terragalleria.com/

Dedicato alle generazioni 80/90

Noi che la penitenza era 'dire fare baciare lettera testamento'.
Noi che ci sentivamo ricchi se avevamo 'Parco Della Vittoria e Viale
Dei Giardini'.
Noi che i pattini avevano 4 ruote e si allungavano quando il piede cresceva.
Noi che mettevamo le carte da gioco con le mollette sui raggi della bicicletta.
Noi che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era
il più figo.
Noi che 'se ti faccio fare un giro con la bici nuova non devi cambiare
le marce'.
Noi che il Ciao si accendeva pedalando.
Noi che suonavamo al campanello per chiedere se c'era l'amico in casa
e se scendeva a giocare
Noi che adottavamo gatti e cani randagi che non ci hanno mai attaccato
nessuna malattia mortale anche se dopo averli accarezzati ci mettevamo
le dita in bocca.
Noi che quando starnutivi, nessuno chiamava l'ambulanza.
Noi che i termometri li rompevamo, e le palline di mercurio giravano
per tutta casa.
Noi che dopo la prima partita c'era la rivincita, e poi la bella, e
poi la bella della bella...
Noi che giocavamo a 'Indovina Chi?' e conoscevamo tutti i personaggi a memoria.
Noi che giocavamo a Forza 4.
Noi che giocavamo a nomi, cose, animali, città.. (e la città con la D
era sempre Domodossola).
Noi che ci mancavano sempre quattro figurine per finire l'album Panini.
Noi che avevamo il 'nascondiglio segreto' con il 'passaggio segreto'.
Noi che ci divertivamo anche facendo 'Strega comanda colore'.
Noi che giocavamo a 'Merda' con le carte.
Noi che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava
riavvolgere il nastro con la penna.
Noi che avevamo i cartoni animati belli..!!
Noi che litigavamo su chi fosse più forte tra Goldrake, Mazinga e
Daitan3 noi che 'Si, ma Julian Ross se solo non fosse malato di cuore
sarebbe più forte di Holly...'
Noi che guardavamo ' La Casa Nella Prateria' anche se metteva tristezza.
Noi che le barzellette erano Pierino, il fantasma formaggino o un
francese, un tedesco e un napoletano.
Noi che alla messa ridevamo di continuo.
Noi che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.
Noi che si andava in cabina a telefonare.
Noi che non era Natale se alla tv non vedevamo la pubblicità della
CocaCola con l'albero.
Noi che al nostro compleanno invitavamo tutti, ma proprio tutti, i
nostri compagni di classe.
Noi che se guardavamo tutto il film delle 20:30 eravamo andati a
dormire tardissimo.
Noi che suonavamo ai campanelli e poi scappavamo.
Noi che ci sbucciavamo il ginocchio, ci mettevamo il mercuro cromo, e
più era rosso più eri figo
Noi che nelle foto delle gite facevamo le cor na ed eravamo sempre sorridenti.
Noi che il bagno si poteva fare solo dopo le 4.
Noi che quando a scuola c'era l'ora di ginnastica partivamo da casa in tuta.
Noi che a scuola ci andavamo da soli, e tornavamo da soli.
Noi che se a scuola la maestra ti dava un ceffone, la mamma te ne dava 2.
Noi che se a scuola la maestra ti metteva una nota sul diario, a casa
era il terrore.
Noi che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su Google.
Noi che però sappiamo a memoria 'Zoff Gentile Cabrini Oriali Collocati
Scirea Conti Tardelli Rossi Antognoni Graziani (allenatore Bearzot)'.
Noi che il 'Disastro di Cernobyl' vuol dire che non potevamo bere il
latte alla mattina.
Noi che si poteva star fuori in bici il pomeriggio.
Noi che se andavi in strada non era così pericoloso.
Noi che però sapevamo che erano le 4 perchè stava per iniziare BIM BUM BAM.
Noi che sapevamo che ormai era pronta la cena perché c'era Happy Days.
Noi che il primo novembre era 'Tutti i santi', mica Halloween.
Noi che le birre erano Peroni, Moretti, Dreher e Wuhrer..e basta!!!
Noi che a scuola con lo zaino invicta e la smemoranda
Noi che se la notte ti svegliavi e accendevi la tv vedevi il segnale
di interruzione delle trasmissioni con quel rumore fastidioso
Noi che abbiamo avuto le tute lucide che facevano troppo figo
Noi che all'oratorio le caramelle costavano 10-20 lire
Noi che si suonava la pianola Bontempi
Noi che la Ferrari era Alboreto, la Mclaren Prost , la Williams
Mansell , la Lotus Senna e Piquet e la Benetton Nannini
Noi che il Commodore64 e il registratore lentissimo s'inceppava sempre!
Noi che la merenda era la Girella e il Billy all'arancia
Noi che come scarpa da calcio avevamo la pantofola d'oro
Noi che le macchine avevano la targa nera.. i numeri bianchi.. e la
sigla della provincia in arancione!!
Noi che quando vedevamo i biscotti della Bistefani 'e chi sono io Babbo Natale?'
Noi che il guardavamo allucinati il futuro nel Drive In con i paninari
Noi che il twix si chiamava Raider e faceva competizione al Mars
Noi che abbiamo visto 15 volte i Goonies, Ritorno al Futuro e Stand by me
Noi che giocavamo col Super Tele
Noi che il tango costava ancora 5 mila lire e.. 'stai sicuro che
questo non vola...'
Noi che le all star le compravi al mercato a 10.000 lire
Noi che avere un genitore divorziato era impossibile
Noi che tiravamo le manine appiccicose delle patatine sui capelli delle femmine
Noi che abbiamo avuto tutti il bomber blu con l'interno arancione e i miniciccioli nel taschino
Noi che se eri bocciato in 3° media potevi arrivare con il Fifty truccato ed eri un figo della 'Madonna'

NOI CHE SIAMO ANCORA QUI E CERTE COSE LE ABBIAMO DIMENTICATE

E SORRIDIAMO QUANDO CE LE RICORDIAMO

NOI CHE SIAMO STATI QUESTE COSE E GLI ALTRI NON SANNO COSA SI SONO PERSI

Foto di Augusta

Visualizza le più belle foto di Augusta

Migliaia di foto di Augusta per scoprire la bellezza di questa ridente cittadina siciliana.
Loading map...

Questa mappa contiene le foto di Augusta (e non solo) pubblicate da me e da milioni di altri utenti.
Potete interagire con la mappa usando i tasti + e - (oppure doppio click con il tasto sinistro e doppio click con il tasto destro) per ingrandire e ridurre una determinata zona oppure tenere premuto il tasto sinistro e spostare il puntatore per spostarvi all'interno della mappa.
Le fotografie che compaiono all'inizio non sono tutte quelle presenti in quella determinata zona in quanto ingrandendo l'area verranno visualizzate ulteriori immagini se presenti.
Allarga la mappa